Annalù Boeretto

Home Annalù Boeretto

Annalù (Annaluigia Boeretto 1976). Vive e lavora a San Donà di Piave.Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Venezia e nel 1999 partecipa a Percorsi d’Arte presso la GAM di Bologna e alla Biennale di Venezia nel 2001. Prestigiose esposizioni al Museo di Storia Naturale di VE e nella Rocca Paolina di Perugia nel 2005.Le Personali: Architetture dell’immaginario, Fabbrica Eos di Milano e I can Fly, Galleria Radar di Mestre(Ve).Nel 2006:Hyperballad con la Venice Design Art Gallery di Venezia;menzione Critica Pagine Bianche;Artissima 13 di Torino e Fiera d’Arte di Verona.Nel 2007 Atmosphere, Personale presso la Galleria Civica Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di San Donà di Piave(Ve.Numerose le collettive del 2007:Animals presso la Galleria Barbara Mahler di Lugano (Svizzera);Genius Loci presso il Palazzo Cà Cappello di Venezia,il Premio Arte Laguna(2 Premi Speciali della Giuria)oltre ! alle Fiere d’arte contemporanea di Bologna,Verona e Padova.Mostre Personali del 2008:Sui passi alati di Hermes presso la Zaion Gallery di Biella,Soul’s Spin alla Galleria Valentinarte di Cernobbio (Como),Ascension presso l’Ex Chiesetta S. Antonio(TV)e Blooming on the loom presso Wannabee Gallery(MI).Vince il 1 Premio Stonefly “Cammina con l’arte” 2008. Le collettive del 2008:Love presso la GAM nel Palazzo Ducale di Pavullo (MO);il Premio Arte Laguna (conseguendo 4 PREMI speciali per la scultura!)e due collettive presso Galleria Forni a Ragusa (Sicilia).
Presenta inoltre alla Fiera Internazionale del Mobile di Design E pluribus unum,mobile in serie limitata (9 pezzi)con L’Azienda Capod’opera Design.Il 2009 si inaugura con la Personale Fluttuazioni presso lo Spazio Forni a Ragusa e la collettiva presso la Art Fusion Gallery di Miami (Florida).E’rappresentante italiana nella collettiva internazionale presso il Museo MOYA di Vienna;partecipa alla collettiva The Museum of the Living Artist presso il San Diego Art Institute di San Diego (USA)ed alla collettiva di Artisti italiani presso la Galleria Le Cheval du sable a Parigi e a “E lucean le stelle” presso la Chiesa di San Francesco a Como.Espone presso lo Spazio Juliet,e alla Modern Living di Los Angeles.Il 2010 si apre con la Mostra Personale CONsidera DESIdera presso la Chiesa Consacrata di San Salvador a Rialto(VE) organizzata dalle Gallerie Melori e Rosemberg e dallo Studium Generale Marcianum.Presenta la nuova produzione di opere presso la Wannabee Gallery di Mi! lano con la mostra AQUA con performance d’inaugurazione.Inaugura inoltre tre Mostre Personali:Il filo del Pensiero presso il Palazzo del Governo(SR),la TRI-Personale presso la DAC Gallery di Los Angeles e l’Histoire de l’eau presso la Zaion Gallery di Biella.Reverie e’la Mostra Personale alla Galleria Forni di Bologna dove l’artista presenta una collezione di gioielli e sculture da indossare oltre ad una serie di opere inedite.A Giugno 2011 Annalu’ partecipa all’iniziativa promossa dal Padiglione Italia alla 54 Biennale di Venezia a cura di Vittorio Sgarbi, presso Villa Contarini(PD) presentando un’opera inedita.Annalù ha esposto in numerosi Musei italiani;le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia e all’Estero.

 

Ogni opera è il capitolo di una storia, la sfaccettatura di un prisma, uno sguardo possibile sulle esperienze che appartengono al lato più onirico, l’opera è una finestra che apre su mondi nascosti.
Osservo. Ascolto. Rifletto. Rielaboro.
Ogni materiale corrisponde ad un messaggio preciso; l’operazione che svolgo non è poi così lontana dalle alchemiche stregonerie…e cioè dalla trasmutazione di una materia in un’altra.
Racconto mondi sospesi in metamorfosi dove l’alchimia è la leggerezza e mi pongo in quell’istante di transizione fra pittura e scultura, in un terreno ibrido che mi permette di sperimentare differenti possibilità espressive. Nelle mie composizioni esiste una “Reverie” che definisco pero’ un deja vu analitico che vuole trattenere il sogno: un non-luogo che crea cattedrali d’acqua, il non-Oceano di sottovesti meduse, esoteriche spirali di farfalle che si sgretolano in metamorfosi, un limbo che genera libri di ghiaccio e giochi d’infanzia sotto l’egida dei 4 elementi naturali.