Enrico Fanton

Home Enrico Fanton

nasce a Padova il 5 gennaio 1974, inizia ad avvicinarsi alla pittura solo a partire dai primi anni ’90 come autodidatta e da profano sperimenta tutto, immergendosi in un universo di forma e colore.

Sceglierà da subito i formati di tele grandi, con i quali si cimenta spesso nel corso degli anni, e utilizzerà colori ad olio, acrilici, polveri, gesso; ai quali si aggiungerà a partire dal 2004 anche l’utilizzo delle polveri, nelle tonalità calde dell’oro,del bronzo, del rame.

Egli stesso dice come la pittura di Pollock, il gesto di Hartung, e le opere di Basquiat,e i mosaici veneziani,  sono stati in tempi diversi, rivelatori e necessari per arricchire il suo bagaglio pittorico.

La sua pittura astratta è caratterizzata soprattutto da un percorso istintivo e gestuale che con gli anni ha tentato di farsi sempre più linea sottile con le sue emozioni.

 

ESPOSIZIONI

Dal 1999 permanente presso Cafè Lido a Monaco di Baviera.

Maggio 2004 espone assieme al gruppo Theleterial presso il  caffè Al Cerchio, Mira – (Ve).

Settembre 2004  collettiva con il gruppo Theleterial presso galleria Art Point Black a Firenze.

Aprile 2005 collettiva con il gruppo Theleterial dapprima presso il laboratorio Fabrika a Piombino Dese, poi  presso la Gallery Studio a Verona.

Febbraio 2005 personale presso Bar-Caffè Sior Intento a Spinea – Venezia.

Ottobre 2005 personale presso l’Oratorio di Villa Simion a  Spinea -Venezia.

Maggio 2006 collettiva con il gruppo Theleterial presso la galleria Art&Media a Castelfranco  V.to.

 

La produzione di ENRICO FANTON è caratterizzata da un’accesa sete di sperimentazione che lo porta a percorrere stili molto diversi. Per le sue tele, predilige i grandi formati. Per quanto concerne i materiali, si è confrontato con colori ad olio, acrilici, gesso, polveri. La maggior parte delle opere di Enrico Fanton esposte nella nostra mostra, sono state pensate e realizzate appositamente. Così, accanto ad alcuni quadri significativi della sua passata produzione, vedremo una nuova serie caratterizzata dall’acrilico colato. I colori sono brillanti, suadenti, magnetici. Colori che comunicano una forte carica che potremmo definire energetica, la cui spettacolarità acchiappa l’osservatore e lo porta fin dentro alla texture dell’opera. Una percezione elementare, basica, immediata, totalmente pittorica, che si rifà anche all’immediatezza del gesto artistico di Fanton, alla sua fertile subitanea istintualità.