Giacomo Filippini

Home Giacomo Filippini

Nato a Brescia, è cresciuto a stretto contatto con l’arte, girovagando fin da piccolo nel laboratorio della madre, Giuliana Geronazzo, nota artista bresciana.
Scultore. Le sue prime opere sono con il vetro. Nel tempo Giacomo sperimenta nuove tecniche, tra cui le ceramiche e la raku. Infine, il colpo di fulmine con il ferro. 
Dapprima è il ferro abbinato al vetro. La forza del ferro contrapposto a quanto di più fragile esista in natura affascina Giacomo. L’antitesi è la sintesi di queste opere: l’energia contrapposta alla gracilità, il metallo che non lascia passare la luce contro la trasparenza, il nero accostato ai colori con cui il vetro viene dipinto. Tuttavia, la figura di Giacomo nel panorama artistico contemporaneo,viene a delinearsi con le sue opere in ferro solamente: queste costituiscono la parte più corposa della sua produzione.
Annovera esposizioni presso Palazzo Martinengo, Musei Mazzucchelli, Museo Mille Miglia e molti altri musei e ville storiche del territorio Bresciano. Numerose le sue mostre personali e collettive nel mondo.